Una passeggiata a Verona

  • Città:
  • Verona
Dopo Vicenza, che è la mia città natale, Verona occupa un posto importante nel mio cuore. 

Facile da raggiungere col treno e generosa di parcheggi con chi arriva in auto, Verona offre un centro storico visitabile a piedi in un tempo relativamente breve, immersi nella solidità tipica delle città sorte tra antiche mura e nel romanticismo che la tragedia di Giulietta e Romeo hanno saputo donarle.
L’atmosfera è molto giovane e vivace, sempre ricca di eventi durante l’anno tra cui l’importante Stagione Lirica all’Arena di Verona e numerosi concerti di musica contemporanea. 

A Verona, ormai una decina di anni fa, ho ricevuto la mia proposta di matrimonio: in una calda e umida serata estiva siamo stati a cena in Piazza Bra, con vista sulla maestosa Arena, in quello che era il ristorante posseduto dal famoso imprenditore veronese Giovanni Rana, chiamato “Tre Corone”. Ora purtroppo è stato chiuso e sostituito da un altrettanto elegante locale chiamato “Vittorio Emanuele”. 

Al tavolo adiacente al nostro, quella sera, pasteggiava proprio il sig. Rana in compagnia di molti amici e ricordo ancora ora l’impressione positiva e familiare che mi ha lasciato.

«Non c’è mondo per me aldilà delle mura di Verona:
c’è solo purgatorio, c’è tortura, lo stesso inferno;
bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo;
e l’esilio dal mondo vuol dir morte»

William Shakespeare, Romeo e Giulietta.


Ti propongo una passeggiata per scoprire i punti più famosi e conosciuti della città, camminando su viuzze di ciottolato col naso all’insù per ammirare i palazzi e le torri, con qualche sosta “di gusto” perché in fondo scoprire e apprezzare la cucina di ogni luogo in cui andiamo è un po’ la nostra missione.
Un piccolo itinerario che ti impiegherà circa 3 o 4 ore di tempo: ti darà una prima impressione della città e dei suoi pregi, con tempi rilassati, scegliendo magari così quale monumento approfondire con una visita guidata o quale zona scegliere per la cena.


Cosa mangiare sul posto?

Sicuramente il bollito con la pearà, una salsa densa e corposa dal sapore pepatissimo, da qui il nome che significa “pepata”.

Un buon piatto di tortellini di Valeggio sul Mincio: un paese poco fuori Verona famoso per questo prodotto, detto anche “nodo d’amore”. La bellezza di questo paesino e dei suoi tortellini merita un racconto a parte, ma scegli se senza esitazione se li trovi proposti nel menù.

Cosa portare a casa con sé?

Una bottiglia di Amarone, da assaporare come vino da meditazione ma anche come ingrediente per un insolito e delizioso risotto. Ti consiglio quelli della casa vinicola Masi

Nel periodo natalizio inoltre, un ottimo Pandoro artigianale o meglio ancora il Nadalin o la Offella, due dolci altrettanto morbidi e burrosi.
Piazza Bra
Il nostro punto di partenza, la Piazza dell’Arena, il foyer dei grandi spettacoli lirici.
Se arrivi col treno, scegli la stazione di Verona Porta Nuova
Se arrivi in auto, imbocca il Corso di Porta Nuova e parcheggia nel Parcheggio Cittadella o nel Parking Arena.
I ristoranti che si affacciano su Piazza Bra sono piuttosto turistici: addentratevi nelle viuzze, vi consiglierò un paio di nomi.

Arena di Verona
Visitabile acquistando il biglietto in loco oppure prendendo la Verona Card che, per qualche euro in più, permette l‘ingresso a tutti i maggiori monumenti della città.
Acquista o regala un biglietto per un evento di lirica: è un’esperienza indimenticabile.


Via Mazzini
Collega Piazza Bra con Piazza delle Erbe. E’ la via dello shopping veronese, con numerosi negozi di pregio. Imboccando il laterale Vicolo Samaritana, al civico 3, trovate il Ristorante Greppia che vi consiglio caldamente nel periodo freddo per gustare il bollito con la salsa pearà della tradizione 

Casa di Giulietta
La credenza popolare identifica i Capuleti narrati da Shakespeare con i veronesi Del Cappelo, nobile famiglia proprietaria per lungo tempo dell'edificio dove Romeo e Giulietta si scambiarono la promessa di eterno amore: puoi entrare, visitarla ed affacciarti dal famoso balcone. Orari e altre info, qui.

E per i più romantici, ecco una chicca: rinnovare le proprie promesse nuziali o sposarsi proprio li. Tutte le info, qui.
Piazza delle Erbe
La piazza è incorniciata da palazzi storici: ti segnalo le Case dei Mazzanti del ‘500 e il prospetto laterale del Palazzo della Ragione o del Comune, in mezzo ai quali è appoggiato l’arco della Costa (così chiamato per la presenza, dalla metà del ‘700, di una costola di balena che pende dalla volta e che, si narra, cadrà quando vi passerà sotto una persona pura di cuore) da cui ci si immette in Piazza dei Signori.

Fermati al Caffè Mazzanti per un aperitivo o un pranzo veloce.
Castelvecchio
Visitabile acquistando il biglietto in loco o usando la Verona Card, aveva funzione di residenza signorile e di presidio difensivo dagli attacchi.




Piazza Bra
Ed eccoti ritornato al punto di partenza, ti è piaciuta la passeggiata?
Vuoi commentare questo post?
Il vostro indirizzo email non sarà visibile sul sito. I campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Nome *
Email *
Sito web
Commento
Stai leggendo:
Una passeggiata a Verona